Conferenza europea degli ecovillaggi: nel 2019 in Italia!

Quattro giorni, centodiciannove workshop. Seicento partecipanti da quarantasei nazioni diverse. Questi sono i numeri della Conferenza internazionale degli ecovillaggi appena conclusa a Lillerou in Estonia.

21 Luglio 2018

Quattro giorni, centodiciannove workshop. Seicento partecipanti da quarantasei nazioni diverse. Questi sono i numeri della Conferenza internazionale degli ecovillaggi appena conclusa a Lillerou in Estonia.
Come ogni anno, la Conferenza della Rete europea degli ecovillaggi - GEN Europa , è il punto d'incontro di centinaia di ecologisti ed ecovillaggisti di tutto il mondo. Sono giorni di grande ispirazione, riflessione, ricarica di energie. Sono giorni di unione e riconoscenza reciproca per l'impegno che ognuno persegue per un mondo più ecologico e solidale.
Le idee si scambiano e si fondono in nuove azioni creative, la coscienza vibra e si innalza nella consapevolezza che non si è soli nel cammino e che i sogni si possono realizzare davvero.
Non è una semplice Conferenza: è una parentesi nello spazio e nel tempo in cui assaporare la reale possibilità di fare la differenza nella propria vita.
"La conferenza GEN mi ha regalato momenti di grande ispirazione grazie alla presenza di persone di grande carisma e saggezza" racconta Riccardo Clemente, copresidente della Rete italiana villaggi ecologici - RIVE "dai Nativi Americani che hanno aperto l'incontro con i loro canti tradizionali ad Albert Bates famoso permacultore e fondatore di The Farm in USA. Grazie a Bernd Neugebauer che assieme alla sua famiglia, nell'arco di 5 generazioni ha riforestato parte della Germania post bellica con 3 triliardi di alberi, o a Gunter Pauli, economista e fondatore della Zero emissions research initiative che ci ha fornito tante informazioni interessantissime".

Dal 2011 Clemente partecipa alle Conferenze Gen e da tre anni coordina il programma dell'ESTexpo, l'esposizione delle tecologie sostenibili degli ecovillaggi, di cui è anche ideatore. Da due anni sta alimentando un altro grande progetto: ospitare nel 2019 in Italia la Conferenza GEN. Adesso il sogno è diventato realtà e, lasciando trasparire felicità e soddisfazione, dichiara: "Il momento per me più emozionante è stato il passaggio di consegne tra Estonia ed Italia, dove Bagnaia e RIVE hanno raccolto l'eredità di Lilleoru, al fine di preparare la prossima Conferenza GEN del 2019, che si presenterà con un format del tutto originale. È la prima volta nella storia GEN, che una Rete nazionale organizzerà l'incontro in sinergia con l'ecovillaggio ospitante e ovviamente, con lo staff di GEN Europa. Tutti uniti in un unico intento: far diventare GEN 2019 un incontro memorabile!"

Se vuoi saperne di più sui relatori e i contenuti trattati nel programma della Conferenza, clicca qui .

Se vuoi vedere le foto, clicca qui .

Come ogni anno, GEN organizza un crowdfounding, una raccolta fondi, per sostenere uno o più progetti virtuosi della sua Rete. Così è stato anche quest'anno: mille sterline sono state donate al progetto Bafut Ecovillage in Cameroon per sostenerli in un momento di grande crisi politica. La loro raccolta fondi continua: se vuoi, puoi contribuire facendo una donazione cliccando qui.

Vuoi saperne di più di ecovillaggi in Italia e nel mondo? Leggi il libro di Terra Nuova Edizioni!

La vita comunitaria e la condivisione dell'abitare si stanno espandendo sempre di più, non solo all'estero, ma anche nel panorama italiano, che offre un ricchissimo e variegato arcipelago di esperienze, dall'housing sociale ai condomini solidali, dal cohousing agli ecovillaggi.
mette a disposizione la sua attività di ricerca, accompagnandoci in maniera dettagliata all'interno delle varie realtà italiane, da nord a sud, fornendo una scheda dettagliata per ogni progetto, dalla personalità giuridica all'eventuale ispirazione spirituale, dall'organizzazione economica alla dieta scelta. Una guida per farsi un viaggio nelle esperienze comunitarie all'insegna non solo del risparmio economico ma soprattutto di uno stile di vita sobrio e a basso impatto ambientale, basato su relazioni autentiche e di solidarietà. Continua a leggere...

di Francesca Guidotti


Forse ti interessa anche:

Posta un commento