Raduno ecovillaggi: in rete nel cambiamento

Damenica 31 Luglio, presso il raduno RIVE (Vidracco, Ivrea) la tavola rotonda tra Reti italiane di Cambiamento: un confronto per muovere insieme i prossimi passi.

21 Luglio 2016

Domenica 31 Luglio, presso il raduno della Rete italiana villaggi ecologici - RIVE (Vidracco - Ivrea), dalle ore 9.45 alle 11.00 avrà luogo la tavola rotonda “In rete, nel cambiamento”.

RIVE, come tante altre realtà italiane attive nel praticare e diffondere uno stile di vita ecologico e solidale, sente il bisogno di incontrarsi, confrontarsi e fare il "punto della situazione" con chi sta procedendo nella medesima direzione. Il tanto evocato cambiamento sembra essere già entrato nella vita di tante persone e dilaga nei diversi interstizi della società.

Adesso è venuto il momento di intessere relazioni più strette tra Reti che quotidianamente diffondono pratiche di resilienza. In città, in campagna, negli uffici e nei supermercati: abbiamo già visto che si può abitare in modo diverso, si può lavorare in un clima di qualità, si possono sostituire prodotti inquinati e inquinanti nei nostri supermercati e sostituirli con prodotti genuini, biologici e equi. Ma possiamo spingere ancora oltre. Non abbiamo molto tempo a disposizione e dobbiamo comprendere ancora bene come e dove indirizzare le energie; come ognuno può liberare il proprio potenziale a favore della collettività.

Alla tavola rotonda parteciperanno:

Andrea Stagliano della Rete italiana villaggi ecologici - RIVE

Francesca Guidotti di Terra Nuova Edizioni

Dalma Domeneghini dell’Associazione per la Decrescita Felice

Ezio Maisto di Italia che Cambia

Giorgia Bocca e Paolo Rosazza dell’Accademia Italiana di Permacultura

Antonio Mara, del Movimento per la Decrescita Felice

Antonio Amelio di Biellese in Transizione per Transition Italia

Ludovica Govean, di Cohousing Numero Zero per la Rete italiana cohousing

È tempo di cambiamento, è tempo di incontro, è tempo di pensare e agire in Rete.

Ulteriori informazioni: raduno.ecovillaggi.it

di Francesca Guidotti

Posta un commento