Le società matriarcali come modello di civiltà

Esistono tuttora più di un centinaio di società matriarcali nel mondo, organizzazioni pacifiche ed egualitarie, basate sulla partnership e non sul “dominio delle madri”, che continuano a tener vivo un diverso modello di civiltà per donne e uomini. Se ne parla a un convegno a Bologna.

10 Settembre 2014

“Matriarcati del mondo: altre dimensioni del presente”

Bologna 11-12 ottobre 2014

Esistono tuttora più di un centinaio di società matriarcali nel mondo (i Minankabau dell’Indonesia è una delle più numerose, con tre milioni di persone, seguita dalla società Moso in Cina e da quella yuchiteca in Messico), organizzazioni pacifiche ed egualitarie, basate sulla partnership e non sul “dominio delle madri”, che continuano a tener vivo un diverso modello di civiltà per donne e uomini. La centralità delle donne, la matrilinearità e la matrilocalità, , la “mutualità economica”, i processi decisionali basati sul consenso, la sacralità della terra, il divino femminile sono alcune delle linee guida che caratterizzano queste società che incontriamo dall’Asia alle Americhe all’Africa. Queste comunità, che oggi rischiano di scomparire dietro le forti spinte della globalizzazione, costituiscono una precisa forma sociale che vanta una tradizione millenaria. La loro struttura politica, economica, sociale e spirituale è per tutte/i noi di estremo interesse perché ci insegna a organizzare e mantenere società non violente, mutuali, bilanciate e sostenibili, dove le donne sono sì al centro, ma non per questo ricorrono a strutture di dominio per guidare la comunità.

Spiegano gli organizzatori dell'associazione Armonie:

"Nel 2013 è stato pubblicato in Italia il libro “Le società matriarcali: studi sulle culture indigene del mondo” di Heide Goettner-Abendroth. Il libro, la cui traduzione è stata fortemente voluta da alcune donne di Armonie, segna una tappa importante nel percorso intrapreso dalla nostra associazione, che  già nel 2009 con il convegno “Matriarcato: utopia o eutopia? Dal non luogo al buon luogo”, presentava i risultati degli studi di ricercatrici che da oltre trent’anni si dedicano agli studi matriarcali e all’economia del dono. Nel 2011 un altro convegno trattava delle permanenze di queste società in Asia.

Con il convegno del prossimo ottobre vorremmo mostrare i diversi modi in cui possono essere utilizzati gli Studi Matriarcali moderni(dichiarazioni politiche dal 2° Congresso sugli Studi Matriarcali 2005), perché riteniamo costituiscano un processo di ricerca critico e di liberazione con un forte potenziale educativo e curativo per le nostre organizzazioni sociali, patriarcali e capitaliste. Le società matriarcali che ci hanno fatto conoscere questi studi rappresentano per noi una terapia dell’immaginario, oltre che un’importante cassetta degli attrezzi da adottare e adattare ai nostri sistemi sociali occidentali. Senza un lavoro di trasposizione e adeguamento ai nostri contesti attuali quelle società restano esempi impraticabili, e gli Studi Matriarcali un ambito di ricerca relegato a una nicchia di appassionati di etnografia o, peggio, l’ennesima bandiera per una nuova corrente di femminismo radicale. Gli studi su queste società possono invece fornire alla donne e agli uomini “in cammino” strumenti e mezzi per intraprendere un reale cambiamento contro il dominio locale e globale del patriarcato, la logica del profitto, la supremazia di un sesso sull’altro e quella di un’etnia su tutte. Il convegno sarà dunque l’occasione per far conoscere le strutture che regolano le società non patriarcali tuttora esistenti in molte parti del mondo, ma sarà anche l’occasione per muovere i primi passi in quella direzione. Tra gli snodi centrali del processo di cambiamento,i sistemi di parentela, le forme di convivenza abitativa, l’autosufficienza economica, un diverso rapporto con la spiritualità sono le questioni prioritarie da affrontare. Su tali questioni abbiamo organizzato gli incontri del pomeriggio di sabato e il workshop di domenica, intitolati appunto “Idee e progetti di cambiamento matriarcale” e “Politica matriarcale: istruzioni per l’uso”. Se riusciremo anche solo in minima parte a minare la logica dei presupposti che reggono i nostri sistemi sociali, l’omologazione delle attese dei movimenti alternativi e a influenzare i processi di formazione dell’immaginario, avremo risposto al bisogno di un cambiamento che diventa ogni giorno più urgente".

La mattina di sabato 11 ottobre Heide Goettner-Abendroth terrà in Sala Tassinari, a Palazzo d’Accursio, la conferenza “Dalle società matriarcali un nuovo paradigma sociale”, durante la quale illustrerà le numerose organizzazioni matriarcali ancora esistenti, mettendone in luce la struttura economica, politica e spirituale. Gli incontri proseguono nel pomeriggio, presso la sede dell’Ass. Armonie, con interventi di altre relatrici per mettere in agenda alternative praticabili, qui e ora, nella nostra società. Inizieremo con laproposta di legge per l’assegnazione del cognome materno, che se venisse approvata potrebbe costituire un primo cambiamento nell’immaginario collettivo omologato sulla predominanza dei padri. A parlarcene sarà Iole Natoli.

Con Cécile Keller conosceremo invece quali potrebbero essere i benefici apportati dalla diffusione della medicina matriarcale, una medicina, cioè, che trattando il singolo individuo in maniera olistica, può contribuire più di quella ufficiale a creare benessere per l’intera società, allargando il concetto di salute per includere il mondo naturale e il cosmo.

Il terzo appuntamento del pomeriggio si focalizza sul problema abitativo - negli ultimi tempi sempre più sentito in larghe fasce della società e soprattutto dalle donne - sia sui rapporti di convivenza femminile. Sofie della Vanth ci racconterà la sua esperienza in proposito, in una panoramica sui vantaggi, ma anche sulle difficoltà della convivenza matriarcale. Seguirà la presentazione di due progetti di convivenza al femminile:”Vicine di casa, vicine nella vita - Un condominio solidale al femminile a Bologna”(Ass. Armonie) e “La Porta del Tiaso - Costruire una terra di donne”(Ass. La Porta). I progetti ci danno la misura di come la condivisione di spazi comuni e un modo diverso di intendere i legami tra le persone potrebbero trasformare le nostre vite.

Il workshop di domenica “Politica matriarcale: istruzioni per l’uso” condotto da Heide Goettner-Abendroth vuole essere un momento di riflessione collettiva sull’organizzazione sociale matriarcale, per conoscerla meglio e valutarne gli aspetti. L’incontro è riservato alle donne, quali prime destinatarie di una proposta che le vede protagoniste in prima persona di un’alternativa sociale che non potrà esistere senza il loro fondamentale contributo. Abbiamo chiesto alla relatrice di focalizzarsi soprattutto su come si potrebbero ricreare nuclei di società matriarcali per lanciare un segnale di cambiamento: le aggregazioni da cui potrebbero scaturire in mancanza di un sistema di parentela che li sostenga, come dovrebbe essere la gestione dei beni, quali analogie e differenze potrebbero avere con i precedenti tentativi di comunità alternative, il ruolo degli uomini ecc. Contiamo sulla collaborazione di tutte per iniziare un percorso di studi e di pratiche che possa davvero costituire il primo passo verso una società ugualitaria, pacifica, dove vivere non dovrà più essere adattarsi al meglio alle incongruenze di un sistema guerrafondaio e basato sul profitto. 

Heide Goettner Abendroth, dopo aver lavorato per vari anni in ambito accademico, ha dedicato la sua vita a studiare in modo indipendente le società matriarcali ancora esistenti, e nel 1986 ha fondato l’Accademia Hagia per gli Studi Matriarcali Moderni. “Le società matriarcali - Studi sulle culture indigene del mondo” è il risultato di lunghi anni di lavoro sul campo, a fianco di ricercatrici e ricercatori indigeni; l’analisi critica, gli studi culturali, l’interdisciplinarietà le hanno permesso di produrre una precisa descrizione strutturale delle società matriarcali.

Iole Natoli, giornalista e scrittrice, si è impegnata per i diritti delle donne sostenendo la necessità di una legge sul cognome materno, di cui ha pubblicato gli articoli fondamentali già nel giugno del 1979, portando il suo lavoro a conoscenza di gruppi del Senato e della Camera, per creargli un approdo in Parlamento. Sua la prima iniziativa giudiziaria in Italia (1980-1982) per l'attribuzione del cognome della donna ai figli nati nel matrimonio. Al suo progetto ha dedicato anche tre opere visive e il filmato "Favola antropologica"

Sofie della Vanth, artista, conduttrice di gruppi sulla spiritualità femminile e cantastorie.  Nel 2006 prende in affitto un'azienda agricola di 40 ettari nel comune di Sorano, in Maremma,  dove nasce il concetto di convivenza matriarcale e nel 2009 fonda  l'associazione Talanith,. luogo di convivenza femminile per donne in cerca di riconnessione. Produce olio di oliva e coltiva canapa sativa; è host per tanti wwoofer di tutto il mondo Attualmente sta lavorando a un progetto di cohousing femminile sulle colline del bolognese.

PROGRAMMA

sabato 11 ottobre 2014  ore 10 - 12.30

Sala Tassinari - Palazzo d'Accursio - Piazza Maggiore 

ore 10 saluto

Simona Lembi

Presidente del Consiglio comunale 

ore 10,15

Gabriella Montera

Assessora Pari Opportunità Provincia di Bologna 

ore 10,30

Conferenza di Heide Goettner-Abendroth

DALLE COMUNITÀ MATRIARCALI UN NUOVO

PARADIGMA SOCIALE 

ore 15,30-19.00

Armonie - Via Emilia Levante, 138

IDEE E PROGETTI DI CAMBIAMENTO MATRIARCALE 

Iole Natoli

IL VALORE SIMBOLICO DEL COGNOME: 

Percorsi e proposte di legge per il diritto al cognome

materno in Italia e Sentenza della Corte Europea 2014 

Cecile Keller

PRATICHE DI MEDICINA MATRIARCALE 

Sofie della Vanth

ESPERIENZE DI CONVIVENZA MATRIARCALE 

Presentazione del Progetto:

LA PORTA DEL TIASO

Costruire una terra di donne

Associazione La Porta 

Presentazione del Progetto:

VICINE DI CASA, VICINE NELLA VITA.

Condominio solidale al femminile a Bologna

Associazione Armonie

domenica 12 Ottobre 2014 ore 10.30 - 17.30 

Armonie - Via Emilia Levante, 138

POLITICA MATRIARCALE: ISTRUZIONI PER L'USO

Workshop con Heide Goettner-Abendroth

Centro Studi Hagia Germania

Il workshop è riservato alle donne.

Per iscrizioni e prenotazioni inviare una email  con i propri dati (nome, cognome, indirizzo e mail, numero cellulare) alematriarcali@gmail.com

di Beatrice Salvemini

Le società matriarcali come modello di civiltà
  • Attualmente 5 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 4.9/5 (15 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Polifemo

29/07/2018 03:13

Grande Elroi, uno di noi!

Selene

25/11/2015 05:34

è divertente vedere come i cafoni saccenti del calibro di elroi mostrino pubblicamente i loro sentimenti di inferiorità contro le donne, sentendo il bisogno di insozzare con la loro puerilità frignose da bambini capricciosi (voglio la mamma! voglio la moglie che mi fa la minestra, che mi lava i calzini, che mi rifà il letto, che mi allatta col biberon se è questo il mio nuovo capriccio, altrimenti batto i piedini da maschietto contrariato, ché devo essere io il centro del mondo, wue wue, altrimenti non mi sento maschio dominante se le donne non mi fanno da serve, wue wue!)

evidentemente non sono bastati 2000 anni di patriarcato catto-giudeo-islamico fallimentari.
ne vorrebbero ancora, i bebè malcresciuti de genere elroi...
bhè, signorini, indietro non si torna. e se avete voglia di spadroneggiare in terra, trasferitevi in terra d'islam, una religione che ancora tutela il vostro "diritto a fare i padroni delle donne"

elroi

24/05/2015 13:43

Un manipolo di sbavanti nazifemen consumate da invidia penis,insomma

Posta un commento