L'incubatrice di progetti sostenibili

Nasce l'incubatrice di progetti e comunità sostenibili: un percorso formativo e un manuale, realizzato da un gruppo di facilitatori abitanti in ecovillaggi, che hanno messo insieme le proprie conoscenze a favore di chi opera per il cambiamento.

28 Novembre 2017

Si è appena concluso il corso Clips - Community Learning Incubator Programme for Sustainability (Programma di incubazione per l'apprendimento collettivo alla sostenibilità) che si è tenuto presso l'ecovillaggio Torri Superiore (Ventimiglia, Imperia) dal 23 al 27 novembre.

Per la prima volta viene testato in Italia il programma Clips: l' “incubatrice” di progetti sostenibili è il risultato di due anni di ricerca e verifica di metodi e filosofie già in uso negli ecovillaggi europei mai stati sistematizzati, fino ad oggi, in un testo o un unico percorso formativo. Gli ideatori di Clips sono facilitatori esperti e residenti in ecovillaggi da molti anni. Molti di loro sono attivi nel Gen Europa , la rete europea degli ecovillaggi, che da anni è impegnata nella richiesta di fondi all'Unione Europea per progetti di formazione finalizzati a rafforzare il movimento

comunitario e organizzazioni che danno rilievo all'ambito sociale ed ecologico. Il Clips è uno di questi progetti, andato a buon fine e a beneficio di tutti.

Il corso, ha visto come formatori Lucilla Borio, residente dell'ecovillaggio Torri Superiore, e Genny Carraro, coordinatrice della segreteria del Gen Europa e abitante del progetto Arterra Bizimodu (Pamplona, Spagna) coadiuvate da Giorgia Lattuca (Popolo degli Elfi, direttivo RIVE ), Riccardo Clemente (Popolo degli Elfi, co-presidente Rive ) e Giulio Ferretto (Comunitazione ).

Attraverso lezioni di teoria equamente scandite da ore di pratica, i partecipanti del corso hanno potuto sperimentare il ventaglio di strumenti che Clips offre e hanno potuto riflettere e confrontarsi sulle proprie esperienze di vita. Clips infatti, pur essendo nato con l'intenzione di sostenere progetti di ecovillaggio, in realtà si adatta a “a qualsiasi gruppo che riconosca il valore della comunità” come ci tengono a sottolineare le formatrici. “Una volta sviluppato, il pacchetto CLIPS è stato testato e valutato da differenti iniziative collettive e comunitarie provenienti da nove paesi europei. Quando parliamo di "comunità" o di "progetto comunitario", ci riferiamo a un gruppo di persone accomunate da una stessa visione del mondo, dalla visione e dagli obiettivi del progetto e dalla condivisione di momenti della propria vita non professionale. Possono dunque essere inclusi gli ecovillaggi, i co-housing, le ONG, le iniziative civiche, le imprese sociali, le scuole comunitarie, le banche etiche, i gruppi di mutuo aiuto, le cooperative, i progetti agricoli sostenuti da comunità ecc. Un ecovillaggio è una comunità che

utilizza processi decisionali partecipativi per integrare le quattro dimensioni della sostenibilità, ecologica, economica, sociale e culturale, al fine di rigenerare ambienti sociali e naturali”.

Il percorso Clips è caratterizzato da una visione sistemica e profonda della progettualità e delle relazioni ed interconnessioni al suo interno. Per semplicità e chiarezza, gli autori hanno suddiviso in cinque livelli gli aspetti della progettualità che devono essere sempre tenuti presenti per assicurarsi il successo: l'individuo, la comunità, l'intenzione, la struttura e la pratica. Ognuno di questi ambiti è analizzato in profondità e viene suggerito lo strumento migliore per esplorarli in gruppo.

Il progetto, realizzato grazie al gruppo di lavoro internazionale della Rete italiana villaggi ecologici-Rive , ha permesso di sperimentare una co-facilitazione a cinque che è risultata fluida e ha dimostrato la potenza di un team affiatato e umile, rendendo evidente come è possibile liberare energie e capacità in un ambiente collaborativo. L'integrazione di teoria e pratica, di momenti dedicati al corpo e alla mente ha reso possibile una rapida assimilazione e coinvolgimento degli studenti. I prossimi passi di Clips saranno individuare una strategia per creare un gruppo di lavoro stabile e operativo, mettendo a servizio di gruppi nascenti o già costituiti le proprie competenze.

Per approfondimenti è già presente un sito web dove trovare i contenuti del programma e scaricare la guida in Italiano.

La speranza è che sempre più progetti comunitari orientati alla sostenibilità possano diffondersi ed essere di ispirazione e sostegno per tutti coloro che desiderano liberare le proprie capacità e metterle a servizio per una società più equa, giusta, ecologica.

Vuoi saperne di più sugli ecovillaggi?

La vita comunitaria e la condivisione dell'abitare si stanno espandendo sempre di più nel panorama italiano, che offre un ricchissimo e variegato arcipelago di esperienze, dall'housing sociale ai condomini solidali, dal cohousing agli ecovillaggi.
L'autrice mette a disposizione la sua attività di ricerca, accompagnandoci in maniera dettagliata all'interno delle varie realtà italiane, da nord a sud, fornendo una scheda dettagliata per ogni progetto, dalla personalità giuridica all'eventuale ispirazione spirituale, dall'organizzazione economica alla dieta scelta. Una guida per farsi un viaggio nelle esperienze comunitarie all'insegna di uno stile di vita sobrio e a basso impatto ambientale, basato su relazioni autentiche e di solidarietà.

di Francesca Guidotti


Forse ti interessa anche:

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra