Albero di giada: consigli per la coltivazione

Uno splendido albero di piccole dimensioni da coltivare in appartamento. Scopriamo le cure necessarie.

05 Novembre 2019
Albero di giada: consigli per la coltivazione. Piante da appartamento

L’albero di giada (Crassula ovata) è uno splendido albero di piccole dimensioni caratterizzato da molteplici tronchi, rami robusti e foglie succulente, ed è molto diffuso all’interno delle abitazioni, negli uffici, negli edifici pubblici e nei centri commerciali. Talvolta scolpite e molto simili a dei bonsai, queste piante, invecchiando, sviluppano una forte personalità. Inoltre sono facili da coltivare, necessitano di poche cure ed è talmente semplice propagarle che produrrete così tante nuove piante da doverle donare ai vostri amici.

Se coltivata come pianta da appartamento, raramente supera 60 cm di altezza. Fiorisce in inverno, producendo all’estremità dei rami delle infiorescenze formate da fiori quasi invisibili rosa o bianchi. La fioritura avviene non prima di dieci anni, ma questo non è un problema in quanto gli spessi tronchi e i rami di questa pianta, con le loro foglie di colore verde acceso, rappresentano la caratteristica più bella di questa pianta.
Le foglie spesse, ovali e lunghe 5 cm sono di un intenso verde giada che spesso acquisisce delle sfumature rosse se la pianta viene esposta a una luce intensa.

Quando ricevete o acquistate un albero di giada, potreste notare la presenza di cinque piante all’interno del vaso. I vivaisti, infatti, di solito invasano più esemplari per donare al vaso un aspetto più folto. In primavera estraete le piante e separatele, poi mettetene ciascuna in un singolo vaso. Così facendo, non solo ogni pianta crescerà meglio e più sana, ma il suo aspetto da albero verrà messo maggiormente in risalto.

CONDIZIONI AMBIENTALI OTTIMALI

LUCE MEDIA. L’ideale per questa pianta è una mezza giornata di luce filtrata, proveniente da una finestra esposta a est o a ovest.

TEMPERATURE MODERATE. 20-25°C di giorno e 15-20°C di notte. Se avete una pianta matura e di grandi dimensioni che vorreste vedere fiorita, in inverno esponetela a una temperatura di 12,5-15,5°C, giorno e notte, per sei settimane.

POCA ACQUA. Durante il periodo di crescita, annaffiate tutte le volte che la parte superficiale del terriccio è asciutta fino a una profondità di 5 cm, e in inverno annaffiate ancora meno. Se la pianta inizia a perdere le foglie significa che non sta ricevendo abbastanza acqua, quindi provate ad annaffiarla quando il terriccio è asciutto fino a una profondità di 4 cm, ma fate attenzione: le sue radici marciscono in fretta se la pianta riceve troppa acqua, quindi tenete sempre sotto controllo il terriccio per verificare che non diventi saturo, e non lasciate il vaso direttamente immerso nell’acqua del sottovaso.

UMIDITÀ. L’albero di giada si è adattato all’aria secca e non è necessario fornire ulteriore umidità.

TERRICCIO. Biologico, di buona qualità e specifico per cactus e succulente, contenente fertilizzante organico, funghi micorrizici e altri microrganismi benefici.

FERTILIZZANTE. Organico bilanciato. Dalla primavera fino alla fine dell’autunno, ogni due settimane applicatene metà dose consigliata. Non fertilizzate in inverno.

INVASATURA. Rinvasate le piante giovani solo in primavera. Scegliete vasi dal diametro di 5 cm più grande di quello attuale. Trapiantate le piante più mature ogni due o tre anni.

PROPAGAZIONE. Si propaga facilmente mediante talee fogliari o mediante talee apicali lunghe 7,5 cm.

PROBLEMI PIÙ COMUNI

Caduta delle foglie, cocciniglie farinose e marciume radicale.

____________________________________________________________________________________________

Articolo tratto dal libro Curare le piante da appartamento senza veleni

Le fronde delle felci si stanno ingiallendo? I fiori e le foglie della tua begonia preferita mostrano preoccupanti macchie scure? L’orchidea è quasi avvizzita e la rosa sul balcone è piena di pidocchi? Niente paura: seguendo i consigli di questo libro potrai curare e mantenere al meglio le tue piante, senza usare pericolosi prodotti tossici.

In queste pagine troverai tutte le indicazioni per prenderti cura di oltre 140 specie tra piante perenni, bulbose, orchidee, palme, cactus, rampicanti, felci e arbusti. A ognuna di esse è dedicata una scheda dettagliata con le esigenze in tema di luce, acqua, terriccio e cure colturali.

Una sezione specifica del libro è dedicata al riconoscimento dei parassiti e della malattie più comuni e alla loro cura con l’impiego di formulati biologici e naturali come propoli, sapone di Marsiglia, olio di Neem, macerato di ortica e Bacillus thuringiensis.

Un testo indispensabile per tutti gli amanti del verde attenti al benessere delle proprie piante, ma anche al rispetto dell’ambiente.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

 

 

SFOGLIA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento