Wi-Fi a scuola: allarme elettrosmog

L'uso della rete Wi-Fi a scuola espone i bambini ai rischi dell'elettrosmog: studi dimostrano l'incidenza di mal di testa, affaticamento, nausea, vertigini e problemi di memoria.

30 Gennaio 2013
Wi-Fi a scuola: allarme elettrosmog

Sale la febbre Wi-Fi, un business che ha colonizzato città, quartieri e abitazioni.
Fate la prova: transitate con un cellulare acceso lungo le strade del vostro quartiere e prendete nota delle reti wifi che riuscite a captare. Vi accorgerete di come è lunga la lista, di come è alto il numero e, di conseguenza, come è intensa l’esposizione alle radiazioni elettromagnetiche. Si tratta di microonde, come quelle dei telefoni cellulari, la cui pericolosità per la salute è stata ormai accertata.

Ora il wireless colonizza anche le scuole, poiché dal 2011 si sta dando corso, con l’avvio delle forniture, al protocollo1 siglato nel 2008 dagli allora ministri Brunetta e Gelmini per una «scuola digitale» e per dotare anche tutti gli istituti scolastici di reti di connessione senza fili. Il governo ha previsto che l’iniziativa possa avvalersi anche di sponsor che forniscano a proprie spese il kit wi-fi alle scuole; e chissà mai chi saranno questi sponsor che hanno a disposizione
i kit…

Cosa hanno fatto le scuole? Hanno aderito in massa: è disponibile un elenco di 3500 istituti scolastici che hanno già inoltrato richiesta di wi-fi al Ministero. È d’obbligo chiedersi, vista la letteratura scientifica ormai prodotta sull’argomento, se sia stato osservato il principio di precauzione. È opportuno permettere che anche a scuola, per ore e ore, i bambini fin dalla più tenera età siano esposti a campi elettromagnetici che, come dimostrano gli studi, rischiano di provocare danni alla salute? Si può legittimamente affermare che no, non è opportuno. Eppure sono in tanti a non conoscere ancora bene i rischi connessi all’utilizzo di queste
tecnologie.

I rischi per la salute: allarme elettrosmog
L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha classificato i campi elettromagnetici a radiofrequenza come «possibilmente cancerogeni». In particolare sono agenti possibilmente cancerogeni i campi elettromagnetici prodotti da telefonini, apparecchiature radar, ripetitori televisivi, per la telefonia mobile, router wifi.

Un gruppo di lavoro di 31 scienziati ha concluso che l’esposizione prolungata e intensa ai campi elettromagnetici a radiofrequenza provoca un incremento del rischio di contrarre gliomi e neurinomi, rispettivamente tumori del cervello e del nervo uditivo. L’allarme è stato lanciato nel 2011 anche dal Consiglio d’Europa, e ripreso dall’Inail, che afferma come «telefonini e dispositivi wi-fi dovrebbero essere proibiti nelle scuole per i potenziali rischi per la salute dei bambini». Secondo il rapporto del Consiglio d’Europa, queste tecnologie costituiscono un potenziale pericolo per la salute umana e il loro uso andrebbe limitato: gli stati membri dovrebbero adottare limiti alle esposizioni alle radiazioni emesse dai dispositivi, allertando gli utenti con avvisi sulla pericolosità simili a quelli dei pacchetti di sigarette.

«Bisogna rispettare il principio di precauzione e revisionare i limiti correnti all’esposizione» dice l’organismo europeo. «Aspettare prove certe potrebbe portare a grandi costi per la salute, come successo in passato per l’amianto, il fumo di sigaretta o il piombo nella benzina»...

Sempre nell'articolo:

  • 29 scienziati contro l'elettrosmog: un rapporto disponibile online sui pericoli dell'esposizione alle radiofrequenze, comprese quelle del wi-fi www.bioinitiative.org/report/wp-content/uploads/pdfs/seco1_2007_summary_for_public.pdf
  • Cosa dicono studi e ricerche sul wi-fi a scuola
  • Lacune legislative: la mancanza di una normativa specifica sul wi-fi
  • Tablet per tutti? L'uso del wi-fi nelle scuole come premessa per la diffusione dei tablet
  • Cosa succede negli altri paesi? Limiti e regolamentazione
  • Box informativo: Cosa fare per opporsi?

La versione completa dell'articolo "Wi-Fi a scuola: allarme elettrosmog" è disponibile nel numero di Febbraio 2013 del mensile Terra Nuova cartaceo, anche come eBook.

 

Leggi il sommario completo del mensile Terra Nuova Febbraio 2013.

Visita il nostro shop online www.terranuovalibri.it dove trovi in vendita tutti gli arretrati della rivista Terra Nuova e il l'ultimo numero, anche nella versone digitale.

Abbonati a Terra Nuova
Acquista l'ultimo numero della rivista
Leggi on line la copia omaggio integrale della nostra rivista

Il mensile Terra Nuova non è distribuito in edicola, il modo più semplice e sicuro per riceverlo è abbonarsi. Vi invitiamo a visitare la sezione ABBONAMENTI nel nostro shop online, dove troverete una ricca gamma di offerte e promozioni.

La rivista, inoltre, si trova in vendita in più di 1200 tra centri di alimentazione naturale, librerie specializzate, botteghe del mondo, ambulatori di medicina naturale e altre realtà che si occupano di consumo critico e sostenibile. Per conoscere il negozio a te più vicino consulta la nostra MAPPA NEGOZI BIO, effettuando una ricerca nella tua provincia.

di B. Salvemini

Posta un commento