Stop ai grassi trans: esce la guida dell'Oms

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha diffuso una guida che illustra sei possibili azioni che i governi possono compiere per indurre le aziende alimentari a ridurre o eliminare i grassi trans nei prodotti alimentari industriali.

16 Maggio 2018

L’Oms ha pubblicato Replace , una sorta di guida per l’eliminazione degli acidi grassi trans prodotti industrialmente.

“Eliminare i grassi trans” sostiene l’Oms “è la chiave per proteggere la salute e salvare vite umane: l’Oms stima che ogni anno l’assunzione di grassi trans porta a oltre 500.000 morti di persone affette da malattie cardiovascolari. I grassi trans industriali sono contenuti in grassi vegetali induriti, come la margarina e il burro chiarificato, e sono spesso presenti negli snack, nei cibi cotti e nei cibi fritti. I produttori li usano spesso poiché hanno una durata di conservazione più lunga rispetto ad altri grassi. Ma si possono usare alternative più sane che non influenzano il gusto o il costo del cibo”.

«L’Oms chiede ai governi di utilizzare il pacchetto di interventi illustrati su Replace per eliminare gli acidi grassi trans che derivano ​​dalle lavorazioni alimentari» ha detto il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus. Se ciò avverrà, sarà un passo avantinella lotta globale contro le malattie cardiovascolari.  

La guida dell'Oms illustra sei azioni da compiere per garantire l’eliminazione rapida, completa e prolungata di grassi trans industriali prodotti dalla fornitura di cibo: Rivedere le fonti alimentari di grassi trans industriali e il paesaggio per il necessario cambiamento delle politiche;

  • Promuovere la sostituzione di grassi trans prodotti industrialmente con grassi e oli più sani;
  • Legiferare o mettere in atto azioni regolatorie per eliminare i grassi trans prodotti industrialmente;
  • Valutare e monitorare il contenuto di grassi trans negli approvvigionamenti alimentari e le variazioni del consumo di grassi trans nella popolazione;
  • Creare consapevolezza dell’impatto negativo sulla salute dei grassi trans nei politici, produttori, fornitori e pubblico;
  • Applicare la conformità di politiche e regolamenti.

“Diversi paesi ad alto reddito hanno ridotto drasticamente” sottolinea l’Oms “i grassi trans prodotti industrialmente attraverso limiti imposti dalla legge sulla quantità che può essere contenuta nel cibo confezionato. Alcuni governi hanno introdotto divieti a livello nazionale su oli parzialmente idrogenati, la principale fonte di grassi trans industrializzati. In Danimarca il contenuto di grassi trans dei prodotti alimentari è diminuito moltissimo e le morti per malattie cardiovascolari sono diminuite più rapidamente che in paesi Ocse comparabili".

di Terra Nuova

Posta un commento