Banksy: un Babbo Natale senzatetto sul muro di Birmingham

Due renne che si involano dipinte sul muro accanto a una panchina dove dorme un senzatetto a Birmingham, per dare l'impressione che il pover'uomo sia un Babbo Natale sulla slita. L'omaggio di Banksy alla città inglese e la denuncia del problema delle tante persone senza casa che vivono per strada.

18 Dicembre 2019

«Dio benedica Birmingham. Nei 20 minuti in cui abbiamo filmato Ryan su questa panchina, i passanti gli hanno offerto una bevanda calda, due barrette di cioccolato e un accendino, senza che lui non chiedesse mai niente»; così scrive Banksy sul suo profilo Instagram . Dove pubblica un video che riprende, nella città di Birmingham, cosa accade a un senzatetto che si addormenta su una panchina sul cui vicino muro l'artista ha realizzato un murale raffigurante due renne che si involano, come se stessero trainando una slitta con Banno Natale sopra. L’opera infatti è stata dipinta proprio a fianco della panchina e crea assieme ad essa una sorta di slitta immaginaria, su cui il senzatetto, ripreso di nascosto, si stende per superare la gelida notte invernale.  

Mentre lo street artist riprende l’uomo ignaro, osserva attentamente il comportamento delle persone che gli passano davanti. Persone che non si voltano dall’altro lato e che offrono al senzatetto bevande calde e cibo.

Così facendo, Banksy non solo omaggia la città del Regno Unito con una sua opera, ma pone l’attenzione sulle condizioni dei senzatetto che, specialmente nei mesi più freddi dell’anno, si trovano soli e privi di un luogo caldo dove poter trascorrere la notte.

Banksy lancia così un messaggio di speranza per Ryan, ma anche per tutti gli altri senzatetto che popolano le città di tutto il mondo, richiamando alla solidarietà le persone che troppo spesso incrociano clochard per strada e si voltano dall’altra parte.

Il tutto nella speranza che prima o poi passi la lunga gelida notte, e che un dì sia Ryan sia gli altri senzatetto possano trovare calore umano e gesti di umanità, a Natale e non solo.

di Terra Nuova

Posta un commento