Carciofi in teglia

Una ricetta della tradizione toscana che conquisterà proprio tutti.

26 Maggio 2019
Carciofi in teglia. Ricette vegetariane

Ingredienti

• 2 carciofi
• 3 uova
• farina
• limone
• olio extravergine di oliva
• sale e pepe

 

Procedimento

Mondate e lasciate i carciofi a bagno in acqua acidulata con succo di limone.

Tagliate i carciofi interi a fettine (non a spicchi) e passate le fettine nella farina.

In una teglia unta d’olio fate sfrigolare o meglio rosolare i carciofi a fette da entrambi i lati prima di aggiungervi le uova sbattute con sale e pepe. Fate cuocere e servite.

VARIANTE PER CELIACI

Si consiglia di passare i carciofi nella farina di riso prima di farli rosolare in olio da ambedue le parti.

 

Per saperne di più

CARCIOFO VIOLETTO DI TOSCANA O CARCIOFO EMPOLESE
Coltivato nei territori di Empoli e Certaldo, il carciofo violetto empolese è privo di spine e ha sapore intenso tendente al dolce-amaro.
Si raccoglie da marzo a giugno.
Sotto il profilo nutrizionale il carciofo è ricco di fibre, vanta una buona quantità di calcio, fosforo, magnesio, ferro e potassio.
È dotato di proprietà regolatrici dell’appetito, è diuretico e depurativo, ed è consigliato contro l’ipertensione, il colesterolo e il sovrappeso.

________________________________________________________________________________________________________________________________________

Ricetta tratta dal libro Toscana vegetariana

La cucina toscana è solitamente associata a piatti ricchi di carne, dagli arrosti alla trippa e alla famosa, ma di recente invenzione, bistecca alla fiorentina. Nella tradizione culinaria di questa regione abbondano invece verdure, cereali e legumi, cucinati con fantasia e con risultati sorprendentemente buoni per ogni palato.

Si tratta di preparazioni ottenute con prodotti radicati nella storia del territorio e conosciuti ben oltre i confini regionali come vere e proprie eccellenze. Tra i tanti, citiamo l’olio extravergine di oliva, le diverse tipologie di fagioli, il carciofo violetto, il cavolo nero, almeno sei tipi di pomodori, la cipolla di Certaldo e lo zafferano di San Gimignano. Senza dimenticare i vini rossi e bianchi, che negli ultimi anni possono contare sulla qualità offerta da tanti piccoli produttori biologici e biodinamici.

Il libro cerca di intromettersi in questo mondo, presentando un ampio ventaglio di piatti e ingredienti rappresentativi delle diverse aree produttive, dalla Toscana collinare fino a quella litoranea, dal capoluogo alle città più piccole, dalla Maremma alla Versilia, dal Casentino alla Garfagnana, per ricercare ricette prelibate e fedeli ai prontuari della tradizione, alcune lievemente modificate, come principio etico, nell’ottica di non violenza e rispetto verso gli animali.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

  

SFOGLIA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO


di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento