Troccoli con cime di rapa e pinoli

I troccoli sono un tipo di pasta pugliese, preparata con farina di semola di grano duro, tagliata con un particolare mattarello scanalato, o troccolo. Nell'articolo la ricetta del sugo alle cime di rapa e pinoli e le dosi e il procedimento per preparare in casa anche la pasta fresca "troccoli".

28 Gennaio 2017
Troccoli con cime di rapa e pinoli

Ingredienti per 4-5 persone:

350 grammi di troccoli
300 grammi di cime di rapa
1 spicchio di aglio
2 manciate di uvetta
2 manciate di pinoli
5 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale q.b.
1 pizzico di peperoncino

Far rinvenire l’uvetta in acqua tiepida. Mondare le cime di rapa eliminando le parti più dure e fibrose dei gambi, tagliare questi a pezzettini, le foglie più grosse a pezzi e dividere le cimette. Portare a ebollizione abbondante acqua salata, aggiungervi la verdura e alla ripresa del bollore immergere anche i trogoli.

Nel frattempo, far rosolare nell’olio lo spicchio d’aglio tritato; unirvi i pinoli, l’uvetta sgocciolata e il peperoncino, lasciar insaporire.
Scolare i troccoli al dente, versarli nel tegame e mescolare. Irrorare ogni porzione con un filo d’olio.

Nota: i troccoli sono un tipo di pasta pugliese, preparata con farina di semola di grano duro, tagliata con un particolare mattarello scanalato, o troccolo. Hanno un formato simile ai maccheroni alla chitarra abruzzesi, o ai bigoli veneti, come grossi spaghetti a sezione quadrata, corti e ruvidi. Prepararli in casa non è così laborioso come sembrerebbe, e ne vale veramente la pena. Niente pena! Preparare ogni tanto la pasta fresca è un vero piacere e una tale soddisfazione.

Pasta fatta in casa: i troccoli

400 grammi di semola di grano duro finissimo (0 300 grammi di semola e 100 grammi di farina di grano arso)
acqua tiepida q.b.
sale q.b.

Serve: mattarello rigato detto troccolaturo.

Lavorare per una ventina di minuti la farina con un pizzico di sale e acqua tiepida quanto basta per ottenere una pasta compatta, piuttosto consistente, liscia ed elastica.

Stenderla con il matterello liscio ad uno spessore di 5 mm circa, dopo aver ben infarinato il piano di lavoro. Passare quindi il matterello “trocolaturo” sulla sfoglia, con una pressione decisa. Prendere in mano la sfoglia e con delicatezza dividerla pezzo per pezzo, disponendo i troccoli così ottenuti ben aperti su un canovaccio infarinato.

Lasciarli asciugare almeno 30 minuti prima della cottura.

Ricetta tratta dal libro Cavoli e zucche in cucina

Oltre 100 ricette attinte dalla tradizione ma anche nuove con cavoli e zucche, due preziosi ortaggi spesso trascurati nelle diete convenzionali

Perché cavoli e zucche? Sono piante concrete, domestiche e affidabili, di particolare bellezza nella loro rusticità. Sin dall'antichità, appartengono alle tradizioni culinarie di moltissimi popoli che ne hanno apprezzato il sapore e le virtù salutari. Oggi questi ortaggi comuni, facilmente reperibili ed economicamente accessibili, sono rivalutati per i loro effetti positivi e protettivi per l'organismo umano.

Crescono negli orti con una certa facilità e senza la necessità di utilizzare sostanze chimiche, aiutandoci così a sviluppare il consumo di prodotti biologici, più sostenibili per la nostra salute e il mondo in cui viviamo. Ne onoriamo la bontà con questa raccolta di ricette, che esplora le preparazioni più tipicamente italiane e regionali, con spunti e incursioni nelle cucine di altre porzioni di mondo, suggerendo anche combinazioni a noi magari insolite.

I suggerimenti contenuti nel volume ci invitano a portare in tavola sapore e salute, illustrando con semplicità la ricchezza dei principi nutritivi e le caratteristiche dei diversi ortaggi. Corredato di splendide immagini, il libro racconta tutto il piacere di poter frequentare orti e mercati, di poter scegliere i prodotti migliori e sedersi a tavola con la natura.

In offerta SCONTO 15% su www.terranuovalibri.it

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento