Crudo e vitale: menu d'inizio estate

Leggero, gustoso e decisamente estivo, il menu proposto per questo mese è completamente crudo.

03 Giugno 2010
Dunque a base di cibi non privati di quella carica vitale e quel valore nutrizionale che vengono compromessi in parte dalla cottura a cui sono sottoposti, anche quando non è necessario.

Fare cuocere gli ortaggi a lungo e in grandi quantità di acqua determina la perdita di preziosi principi nutritivi, che restano invece inalterati se le stesse materie prime vengono consumate crude. Non a caso verdure e frutti estivi, concentrati puri di acqua, sali minerali e vitamine, sono deliziosi consumati freschi e crudi, e aiutano l'organismo a riequilibrare i liquidi persi a causa delle alte temperature e dell'afa del periodo estivo.

Il clima eccessivamente caldo e spesso umido dell'estate rappresenta una condizione favorevole all'assunzione di ortaggi e frutta crudi anche grazie alla possibilità di avere a disposizione, in tutte le regioni del nostro paese, cibi che sono già ottimi consumati freschi e appena colti. Più digeribili e più facili da preparare, disintossicanti, ricchi di vitamine, sali minerali, enzimi e oligoelementi, i piatti crudi che seguono vogliono invitarvi a sperimentare, lontano dai fornelli, un tipo di cucina che permetterà al vostro organismo di disintossicarsi in maniera naturale, e di acquisire nuova energia e vitalità.


Ecco le ricette presenti nell'articolo:


>> Latte di mandorle al cardamomo


>> Zuppa speziata fredda di carote


>> Caponata cruda di zucchine


>> Insalata di wakame e cetrioli al sesamo


>> Ciliegini al pesto di semi di zucca



La versione completa dell'articolo è disponibile nel numero cartaceo Giugno 2010 di Terra Nuova o come eBook.






La nostra rivista: TERRA NUOVA 

Abbonati a Terra Nuova

Acquista l'ultimo numero della rivista

Leggi on line la copia omaggio integrale della nostra rivista 

di Alice Savorelli

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra