Che fare degli smartphone dismessi?

Alcuni consigli su come riutilizzare in maniera utile e creativa i dispositivi che non usiamo più e che abbiamo sostituito.

08 Marzo 2020
Che fare degli smartphone dismessi? Nuove tecnologie

Lasciare che gli smartphone diventino definitivamente obsoleti e inutilizzabili è la cosa peggiore che possiamo fare. Se tutto va bene, la destinazione di questi oggetti sarà la discarica, tra molti anni (vedi articolo ). Cosa possiamo fare, allora? Ecco le alternative.

Se tra le mani abbiamo una macchina ancora dignitosa, è bene venderla subito. Se non è possibile, piuttosto che stiparla nel cassetto è meglio provare a donarla. In assenza di parenti e amici, esistono organizzazioni senza scopo di lucro che potrebbero usare il ricavato per opere benefiche. In ogni caso, prima è necessario ripristinare i dati di fabbrica, selezionando l’opzione nel menù delle impostazioni (di solito si trova nel menu «Sistema»).

Se non è possibile alienarla, allora è meglio conferirla nei centri di raccolta comunale, evitando il bidone dell’indifferenziato. Prima di farlo, però, considerate che un gingillo del genere può tornare utile in altra maniera. Lo smartphone è infatti un concentrato di molte tecnologie moderne. Oltre a permettervi di telefonare, può andare su internet, messaggiare, registrare le conversazioni, fotografare e fare video, illuminare una stanza buia a giorno, scansionare documenti, e molti altri utilizzi. Queste caratteristiche lo rendono utilizzabile al posto di un sacco di dispositivi.

Gli usi alternativi

Possiamo usarlo come telefono di emergenza. Non tutti lo sanno, ma i telefoni cellulari hanno la possibilità di chiamare il numero di emergenza, anche senza sim. Questa misura di sicurezza può salvare una vita, considerando che il 70% delle chiamate al 113 viene effettuata da un telefono cellulare. Basta tenerlo carico, a metà batteria (è la condizione che ne assicura la massima durata nel tempo) e bene in vista insieme con il caricabatteria. Sperando, naturalmente, di non doverlo usare mai.

Fra l’altro, senza modificarlo, ma solo togliendogli la sim, si può usare come sveglia, timer, orologio, lettore mp3 o calcolatrice. E, se avete il wifi in casa, pure come una minuscola internet station, per esempio per ascoltare la radio.

Avevi mai pensato alle app?

Ma si può fare di più: con un po’ di fantasia e di spirito hacker è possibile ottenere dalla nostra macchina obsoleta un sacco di soddisfazioni. Essere hacker non significa essere particolarmente abili. L’hacking è un’attitudine, per cui basta un po’ di buona volontà. Poco poco. Installando app gratuite e libere è possibile tirare fuori dal piccolo aggeggio delle utilità impensabili. Per esempio, installando Scummvm1, una macchina virtuale per videogame, è possibile usarlo come una game-station, riciclando i giochi più interessanti degli anni ’90, molti dei quali disponibili sul sito web di Scumm2.

Ancora, è possibile trasformare il vecchio smartphone in una telecamera di sicurezza. Siamo in vacanza e vogliamo sapere cosa sta succedendo a casa nostra? Vogliamo controllare se il cane o il gatto stanno bene mentre siamo al lavoro? Invece di installare costosi sistemi di videosorveglianza, è possibile usare un vecchio smartphone allo scopo, anche se difettoso. L’importante è che abbia la videocamera e l’antenna wifi in ordine. Se poi vogliamo sentire anche i suoni, il microfono deve essere funzionante. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è un’app chiamata Webcam IP, disponibile presso il Play Store, o scaricando l’APK3. Basta poi mettere il telefono in posizione strategica, avviare l’app e connettersi ovunque siamo, anche usando il nostro smartphone nuovo, quello che ha soppiantato il dispositivo che volevamo buttare.

Note
1. www.scummvm.org
2. www.scummvm.org/games
3. https://apkpure.com/ip-webcam/com.pas.webcam

____________________________________________________________________________________________

Articolo tratto dalla rubrica Ecologia informatica

Leggi la rubrica su Terra Nuova Marzo 2020

Abbonati

Dove acquistare

Richiedi copia omaggio

Archivio rivista

Acquista l'ultimo numero online

Scarica la APP e leggi Terra Nuova in digitale

Visita www.terranuovalibri.it lo shop online di Terra Nuova

 

POTREBBE INTERESSARTI

COME SOPRAVVIVERE ALL'ERA DIGITALE

Pubblicità personalizzate online, interventi per condizionare le scelte politiche e di consumo, mappatura degli spostamenti… I nostri dati e quelli dei nostri amici, che disseminiamo ogni volta che usiamo lo smartphone o navighiamo su Internet, sono la merce più preziosa per Apple, Google, Facebook, Amazon & Co.
I colossi del web 2.0 si arricchiscono rivendendo i nostri profili ad aziende, partiti politici, gruppi di pressione, venditori di scarpe e materassi, ma anche di scommesse online e contenuti porno. Ma siamo sicuri di voler essere noi la merce che consente a Mark Zuckerberg (Facebook), Larry Page e Sergej Brin (Google), Jeffrey Bezos (Amazon) di figurare in testa alla classifica delle persone più ricche del pianeta?
Il libro – manuale pratico che non disdegna riflessioni e interrogativi sui cambiamenti indotti dalle tecnologie – suggerisce come sottrarsi al controllo di Google, Facebook e compagnia. Tutti, anche coloro che hanno poca dimestichezza con la tecnologia, impareranno a usare programmi, motori di ricerca, app che impediscono di raccogliere i nostri dati e preferenze.
L’autore ci aiuta a essere più consapevoli delle implicazioni di gesti apparentemente innocui (i like, le chat che frequentiamo) e dei costi umani (lavori sempre più precari) e ambientali (rifiuti high-tech che non sappiamo come smaltire) che stiamo pagando. Terminata la lettura, sapremo quali strategie attuare per non essere solo merce passiva dell’era digitale.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

 

SFOGLIA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO

di Michele Bottari


Forse ti interessa anche:

Posta un commento