Le favole cosmiche di Maria Montessori

Per la prima volta in italiano un volume che tratta delle cinque narrazioni principali della pedagogia montessoriana per la scuola primaria, i fondamenti dell’Educazione Cosmica di Maria Montessori. Pubblicato il libro che sarà formidabile strumento didattico per insegnanti ed educatori.

25 Ottobre 2019
Le favole cosmiche di Maria Montessori. Nuova educazione

Arriva in italiano il volume dedicato alle cinque principali favole cosmiche di Maria Montessori, utilizzate per la loro grandissima potenza evocativa e immaginifica come strumento didattico nei primi anni della scuola primaria.
La nascita dell’universo, l’avvento della vita sulla Terra, la venuta degli umani, l’invenzione delle lettere e l’invenzione dei numeri sono i racconti, fondamentali nella pedagogia montessoriana, finora solo trasmessi oralmente o pubblicati in altre lingue.

L’edizione del volume dal titolo Narrare il vero. Le favole cosmiche nella pedagogia Montessori è stata curata da Micaela Mecocci, insegnante montessoriana con formazione internazionale e attualmente direttrice del coordinamento didattico della Bilingual Montessori School di Parigi. La dottoressa Mecocci è anche uno dei membri fondatori di Tutta un’altra scuola, il progetto di lavoro che da cinque anni raccoglie, racconta, censisce e mette in rete le esperienze educative all’avanguardia nel nostro paese (www.tuttaunaltrascuola.it ).

A spiegarci l’importanza di questo strumento didattico ora disponibile in Italia per tutti gli insegnanti, gli educatori e i genitori è la stessa curatrice.

Dottoressa Mecocci, le favole cosmiche sono un mezzo attraverso il quale nella pedagogia Montessori si trasmettono elementi che i bambini, nella fascia di età della primaria, possono fare propri per proseguire nella ricerca e nell’apprendimento. Quale effettiva importanza riveste questo strumento didattico? Cosa evoca e cosa rappresenta?
Si tratta di un elemento centrale e cruciale della pedagogia Montessori per il secondo piano dello sviluppo, ovvero per i bambini dai 6 ai 12 anni; uno strumento didattico straordinario, prezioso e molto caro alle maestre Montessori che inaugurano con esso l’anno scolastico. Le favole cosmiche sono narrazioni avvincenti e coinvolgenti, che i bambini vengono invitati ad ascoltare seduti in cerchio su un tappeto o su cuscini. Normalmente le principali favole cosmiche sono narrate durante le prime settimane dell’anno scolastico e rappresentano una porta che si apre sulla conoscenza, esse sono lo strumento che inaugura il viaggio dei bambini della scuola primaria verso l’educazione cosmica.
Educazione cosmica è il nome dato da Maria Montessori al progetto educativo relativo proprio alla scuola primaria, dove arrivano i bambini che escono dalla prima infanzia e si affacciano alla fase della fanciullezza, durante la quale metteranno naturalmente a frutto le esperienze, le impressioni e l’apprendimento dei primi anni di vita. A partire dai 6-7 anni, i bambini ragionano in profondità, si interrogano e interrogano i fenomeni naturali e i meccanismi delle cose, sono capaci di elaborare un pensiero dialettico, sviluppano il senso critico e morale, nonché la capacità di proiettarsi all’interno di percorsi conoscitivi sulla base dell’immaginazione.
Offrire loro, quindi, grandi narrazioni dai temi universali risponde. alle caratteristiche psicologiche e ai bisogni evolutivi di questa età dello sviluppo.

Il titolo del libro manda un messaggio efficace: narrare il vero. Quanta importanza riveste questo nelle cosiddette favole cosmiche?
Narrare il vero è esattamente quello che accade nelle favole cosmiche, che hanno carattere di realtà e sono universali, si inseriscono all’interno dell’ordine naturale delle cose, parlano dell’evoluzione del mondo e dell’umanità, delle scoperte e delle conquiste del genere umano. Mario, figlio di Maria Montessori e suo stretto collaboratore, amava definire la madre «la grande narratrice del vero». Le favole cosmiche sono percorsi narrativi che introducono il bambino allo studio della storia e della geografia, della biologia, del linguaggio e della matematica, nonché all’esplorazione dell’ordine cosmico e dell’armonia dell’universo. Ciò significa che, nonostante le narrazioni siano caratterizzate da un linguaggio immaginifico e talvolta allegorico, sono comunque strumenti che avviano il bambino verso un’indagine esplorativa e conoscitiva. Divengono stimoli alla curiosità e all’immaginazione poiché non esauriscono le informazioni destinate agli alunni, bensì rappresentano una finestra aperta sul mondo e la possibilità per i bambini di partire per il proprio viaggio nella conoscenza.

Le favole cosmiche sono dunque un’introduzione ai campi del sapere?

Proprio così e non solo. Sono uno stimolo per l’immaginazione e per la voglia di imparare, ma anche strumento di consapevolezza. Per esempio, la prima favola introduce il bambino alla teoria della creazione dell’universo, parla delle origini del Tutto. Pur essendo nota con il nome storico di «Iddio che non ha mani», in molte scuole si preferisce sostituire la parola Dio con la parola Natura, o con la forza creatrice dell’universo. Va benissimo, ciò non ne inficia il senso, che è quello di un viaggio narrativo, un’esperienza che porta il bambino a interrogarsi sull’origine del tutto, su chi siamo, da dove veniamo e dove ci porta la nostra evoluzione. Questa favola viene narrata nei primissimi giorni di scuola e, gradualmente, seguono poi le altre. A distanza di una o due settimane si racconta la storia che narra di come sul pianeta si è formata la vita, poi quella sull’avvento dell’essere umano e le altre a seguire, per generare una diffusa curiosità, stimolare i bambini su tematiche relative al loro mondo, creare in loro un forte senso di appartenenza.
La parola narrata descrive un continuum spazio-temporale che rende capaci i bambini di contestualizzare il presente tra passato e futuro, con uno sguardo rivolto al contempo alle proprie origini e alla responsabilità di contribuire alla salvaguardia e allo sviluppo del nostro pianeta. Pace e progresso sano e costruttivo diventano condizioni e valori, il bambino si sente parte preziosa, unica, del mondo e degli eventi e sarà capace di identificare poco a poco il suo ruolo nel mondo, la sua «missione cosmica», il suo posto nella società.

Come reagiscono di solito i bambini a queste narrazioni? E cosa accade dopo?
Quasi sempre hanno domande da porre, soprattutto perché durante la narrazione l’insegnante presenta a corredo esperimenti e dimostrazioni, che innescano un processo di ragionamento vivace nei bambini. Poi la maestra proporrà anche altre presentazioni, altri lavori e attività che solleciteranno altre indagini, in modo che ogni alunno possa partire per il suo proprio viaggio di conoscenza e approfondimento. È molto importante rispettare il modo in cui ogni singolo bambino recepisce le favole e lasciare che questo tesoro si depositi nel suo animo, per poi essere pronti a cogliere le sollecitazioni e le domande che ne scaturiscono. L’insegnante accompagna così i bambini in percorsi dai quali nascono lavori anche molto diversi tra loro, ricerche spontanee che si muovono in direzioni e con modalità scelte dagli alunni stessi.

Nel libro fornisce indicazioni e suggerimenti su come utilizzare nella maniera più efficace possibile le favole cosmiche. Protagonista in tutto questo è l’oralità, accompagnata dalla competenza e creatività dell’insegnante. Quale funzione ha la parola evocativa nella pedagogia Montessori?
Il volume si conclude con un capitolo dedicato proprio all’oralità, al valore della parola parlata e alla sua funzione nella storia dell’umanità. La parola orale ha un valore enorme, è un bene prezioso in tutto il lavoro pedagogico montessoriano. Le narrazioni sono momenti in cui il riverbero relazionale tra gli astanti è magico e potente. In tutti i momenti della giornata gli scambi orali, le parole che usiamo e il modo in cui le usiamo sono un elemento della relazione, dell’esperienza e dell’apprendimento del bambino. Lo scopo ultimo dell’educazione cosmica, di fatto, è quello di fornire al bambino gli strumenti di consapevolezza e responsabilità necessari ad affacciarsi alla società, per entrare a far parte del mondo più ampio che troverà quando lascerà la fanciullezza per l’adolescenza e poi in seguito l’età adulta. Se rispettato e sollecitato a coltivare i propri talenti e le proprie potenzialità il bambino avrà gli strumenti per esercitare la propria libera scelta consapevole nella vita; per farlo, serve l’esperienza profonda del senso di appartenenza al nostro mondo, alla nostra storia e alla nostra società. Così come servono la conoscenza di sé, anche nella relazione con l’esterno e con gli altri. È un percorso che avviene in modo graduale e diversificato, ma conduce al fine ultimo dell’educazione cosmica, cioè quello di creare individui integrati, armoniosi, arricchiti da un’organicità dell’esperienza che abbia tenuto conto del legame funzionale che esiste fra tutto ciò che è presente nel nostro mondo. Rispetto di sé e dell’altro da sé, riconoscimento delle necessarie interdipendenze degli elementi del tutto, animati o inanimati, e possibilità per il bambino di divenire agente cosmico positivo, foriero di pace e di progresso, non solo materiale ma anche spirituale. Il cosmo come fondamento armonico e possibilità di sussistenza del nostro mondo. Sono queste le chiavi dell’educazione cosmica, che corrono sul filo della voce narrante che risuona e si riverbera nell’armonia della relazione tra i soggetti coinvolti nell’esperienza educativa.

_______________________________________________________________________________________________

Articolo tratto dal mensile Terra Nuova Ottobre 2019

Abbonati

Dove acquistare

Richiedi copia omaggio

Archivio rivista

Acquista l'ultimo numero online

Scarica la APP e leggi Terra Nuova in digitale

Visita www.terranuovalibri.it lo shop online di Terra Nuova

 

 

 

IL LIBRO

NARRARE IL VERO

Bambina montessoriana, insegnante Montessori e ricercatrice a livello internazionale, Micaela Mecocci ci guida in questo libro alla scoperta delle cinque principali favole cosmiche, esposte e sapientemente commentate una a una nella loro specificità.

Note anche come “grandi lezioni” tematiche (la nascita dell’universo, l’apparizione della vita sulla Terra, la venuta degli umani, l’invenzione di lettere e numeri), le fiabe cosmiche inaugurano il grande viaggio dell’Educazione Cosmica, nome scelto da Maria Montessori per designare quell’ampio e complesso progetto educativo che accompagna il bambino durante tutto il secondo piano dello sviluppo (6-12 anni) in accordo con i bisogni specifici e le caratteristiche psicologiche di questo periodo evolutivo.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

 

SFOGLIA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO

 

POTREBBERO INTERESSARTI

MONTESSORI DA 0 a 3 ANNI

Il periodo che va dalla nascita fino ai 3 anni è cruciale per la formazione del futuro adulto. Se, con le opportune cautele, man mano che cresce si lascia al bambino la possibilità di scegliere e gli si affidano incarichi semplici, questo contribuirà positivamente alla costruzione della sua individualità.

Inoltre, potendosi muovere in libertà e interagendo in prima persona con il mondo reale, il bambino impara a focalizzare la propria attenzione e acquisisce una maggiore sicurezza.

Per applicare queste semplici proposte, che costituiscono l’essenza dell’approccio montessoriano, è necessario ripensare il nostro modo di essere e di agire con il bambino: dobbiamo lasciargli fare da solo alcune cose e non dobbiamo agire al posto suo.

Chiunque può mettere in atto questo approccio all’interno della propria famiglia, ed è proprio quello che vi proponiamo di fare con i suggerimenti e le attività presentati in questo libro.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

 

MONTESSORI DA 9 a 12 ANNI

La fascia d’età 9-12 anni è poco affrontata dai libri nonostante sia ricca di metamorfosi per chi la sta vivendo e interroghi gli adulti su aspetti fondamentali della loro relazione con i bambini che stanno velocemente crescendo. Per genitori, insegnanti, istruttori sportivi, educatori è cruciale accompagnare nel modo migliore il bambino nella scoperta di se stesso e del proprio posto nel mondo.

Il libro prende spunto dagli insegnamenti di Maria Montessori per affrontare i grandi temi del nostro tempo, tra cui l’iperconnessione, la perdita di legami con la natura e l’incursione precoce dei giovani nel mondo degli adulti. Riportare i giovani all’essenziale – imparare a pensare, a essere, a vivere con gli altri – è una prima fondamentale tappa per poi affrontare insieme l’adolescenza.

I lettori troveranno esempi tratti dalla quotidianità e dei parametri riguardanti lo sviluppo del bambino, attraverso cui riappropriarsi degli elementi di forza della pedagogia montessoriana e rivivere con i propri figli l’esaltante conquista del pensiero.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

di Claudia Benatti


Forse ti interessa anche:

Posta un commento