Il bosco che nutre: un progetto di food forest in Toscana

Il progetto, che prevede la riqualificazione di un terreno comunale in abbandono attraverso la Permacultura, è stato presentato dalla Rete per un Luogo Comune a Pietrasanta (Lu). A febbraio comincia la piantumazione. Conferenza e corso con Stefano Soldati.

13 Gennaio 2015

Realizzare, in un terreno comunale oggi in abbandono, un bosco edibile che offra cioè frutta, ortaggi, erbe aromatiche, ma nutra anche lo spirito. È il progetto della Rete per un Luogo Comune di Pietrasanta (Lu), che lo ha presentato lo scorso venerdì 9 gennaio.
Il progetto “Un bosco che alimenta” punta non soltanto alla riqualificazione del luogo, ma anche al coinvolgimento della cittadinanza, e in particolare di quanti vivono nel quartiere interessato all’intervento.
Il bosco, o food forest, sarà realizzato con la tecnica della permacultura, un metodo basato sulla sostenibilità, sull’osservazione della Natura e sulla capacità delle piante di autoalimentarsi e di autoregolarsi. Alberi da frutto e arbusti, erbe aromatiche e ortaggi, tuberi e rampicanti possono soddisfare da sé ogni bisogno, alimentandosi a vicenda e offrendo al tempo stesso i loro frutti.
Nella Permacultura la biodiversità favorisce la salute delle piante, che sono disposte in modo da ottimizzare al meglio l’irraggiamento solare, e vengono scelte in funzione della stagionalità: in ogni stagione c’è qualche pianta al culmine del suo vigore, mentre le foglie cadute delle une servono come nutrimento per le altre, e le radici delle diverse specie assorbono le sostanze nutrienti in modi differenti e a diverse profondità.
I residenti presenti hanno mostrato di gradire l’iniziativa. La Giunta comunale ha approvato il progetto.
Il programma prevede che Stefano Soldati, agronomo e permacultore e stimolatore dell’iniziativa, il 6 febbraio presenti il progetto alla città con una conferenza; il 7 febbraio,  terrà un corso di introduzione alle Food Forest per un numero limitato di partecipanti. Il giorno successivo guiderà la fase della piantumazione, aperta a tutti, bambini compresi, per la realizzazione concreta del bosco edibile, la food forest di Pietrasanta.
Il progetto rientra nelle attività della Rete per un Luogo Comune, alla quale partecipano diverse associazioni pietrasantine e versiliesi che si sono riunite, nel marzo dell’anno scorso, con l’obiettivo di creare, nel centro di Pietrasanta, un luogo di aggregazione e condivisione.

Per informazioni e iscrizioni al corso: Associazione Luogo Comune, tel. 333 3696408; stebrandi@interfree.it

di Gabriele Bindi

Federica Terra Nuova

24/02/2015 16:17

Salve Mariarosa
per avere informazioni in merito utilizzi i contatti inseriti nell'articolo che le riporto anche di seguito:

Per informazioni e iscrizioni al corso Associazione Luogo Comune, tel. 333 3696408; stebrandi@interfree.it

saluti Federica Terra Nuova

mariarosa

24/02/2015 16:14

ciao,sono ineressata al corso,a Gennaio ho seguito un incontro al palazzo mediceo di seravezza con l'agronomo Fabio Pinzi sulla permacultura,vorrei partecipare per capire meglio.

Posta un commento