Iperattività o cattiva alimentazione?

Molti sintomi della discussa «sindrome da deficit di attenzione e iperattività» possono essere legati al consumo eccessivo di cibo spazzatura. Meglio intervenire a tavola che sul banco della farmacia.

30 Gennaio 2012
Iperattività o cattiva alimentazione?
Nel 2007, dopo la pubblicazione sulla rivista scientifica The Lancet di un articolo sul possibile legame con alcuni coloranti usati nelle bibite gassate, la sindrome da deficit di attenzione e iperattività (nota anche con la sigla inglese ADHD), si è guadagnata per un po' gli onori della cronaca.

A distanza di qualche anno facciamo il punto della situazione su questo attuale tema con questo articolo pubblicato sul mensile Terra Nuova di Febbraio 2012, analizzando e riportando le ultime ricerche in merito e i dati statistici disponibili per dare una risposta circa le cause di questo disturbo partendo innanzitutto dall'alimentazione dei bambini.

La versione completa dell'articolo "Iperattività o cattiva alimentazione?" è pubblicata nel numero cartaceo della rivista Terra Nuova Febbraio 2012 disponibile anche come eBook.  


La nostra rivista: TERRA NUOVA 


Abbonati a Terra Nuova

Acquista l'ultimo numero della rivista Leggi on line la copia omaggio integrale della nostra rivista




Libri alimentazione bio:


- Bimbi vegan


- Cucinare i cerali

- Mangia sano e spendi poco

- Cucina naturale in 30 minuti

- Pasticceria naturale

- Biscotti al naturale

- Piccola pasticceria naturale

- Confetture al naturale

- Cavoli e zucche in cucina

- Cucinare i legumi

- In cucina con le alghe

- Bioricettario - Nuova edizione

- Senza latte e senza uova

- Piante spontanee in cucina

- Facciamo il pane - Nuova edizione

- Cucinare Tofu & Seitan

- Il manuale dei cibi fermentati



di Giuliana Lomazzi

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra