L'apprendimento spontaneo e le neuroscienze: incontri con Elena Piffero

Il 7 e l'8 febbraio due appuntamenti da non perdere con Elena Piffero, ricercatrice ed esperta di cooperazione internazionale e politiche per lo sviluppo sostenibile, che sarà a Cuneo e a Serravalle d'Asti per presentare il suo libro "Io imparo da solo" in incontri pubblici formativi aperti a tutti e gratuiti.

05 Febbraio 2020

Il 7 e l'8 febbraio due appuntamenti da non perdere con Elena Piffero, ricercatrice ed esperta di cooperazione internazionale e politiche per lo sviluppo sostenibile, che sarà a Cuneo e a Serravalle d'Asti per presentare il suo libro "Io imparo da solo" in incontri pubblici formativi aperti a tutti e gratuiti.

Il 7 febbraio la dottoressa Piffero sarà a Cuneo alle ore 18, alla libreria Mondadori Bookstore, in piazzale Tancredi Galimberti 1, mentre l'8 febbraio sarà a Serravalle d'Asti (Asti) alle ore 16 ospite della Scuola primaria "Piero Donna", in via alla Scuola 25, grazie alla collaborazione del maestro Giampiero Monaca, ideatore del metodo BimbiSvegli. Seguirà un rinfresco per tutti i presenti curato dall'associazione Agathon.

Elena Piffero, che ha tre figli che stanno imparando con l'unschooling senza quindi frequentare la scuola convenzionale, si è trovata spesso davanti a domande di questo tipo: «Come sarebbe a dire, che non mandate i vostri figli a scuola? Ma non è obbligatorio? E allora come fanno a imparare a leggere, a scrivere e a far di conto? E in che senso, imparano da soli? E la socializzazione?».
Queste domande nascono spontanee quando si affronta il tema dell’unschooling, e il libro "Io imparo da solo" cerca di fornire le risposte a partire dall’esperienza di chi ha fatto questa scelta per i propri figli.
«L’apprendimento spontaneo in un ambiente familiare e sociale incoraggiante e ricco di stimoli, costituisce un valido percorso di istruzione, anzi di autoistruzione, in grado di sostituire quello scolastico. I bambini semplicemente continuano, come hanno fatto in millenni di evoluzione, a imparare da soli: sono biologicamente programmati per farlo e non ne possono fare a meno - spiega Piffero - Le numerose esperienze di unschooling sparse per il mondo ci dimostrano che i bambini, anche senza un programma didattico prestabilito e imposto dall’esterno, sviluppano con successo le loro capacità in autonomia, seguendo i propri ritmi».
Rifacendosi a un nutrito corpus di studi sull’apprendimento, le neuroscienze e la psicologia dell’età evolutiva, questo libro racconta come e perché adottare l’unschooling, riportando con decisione al centro del dibattito sull’educazione i legittimi protagonisti: i bambini.

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento