Aria condizionata e torcicollo: intervenire con la chiropratica

Ormai il modo più diffuso per difendersi dalla calura estiva è l'aria condizionata, usata un po' dovunque, negli uffici, nei negozi ma anche nelle case. E spesso esporsi al condizionamento può portare al fastidioso torcicollo che, insieme al mal di testa e al mal d’orecchie si aggiudica il podio dei malanni estivi. vediamo come ci si può difendere con la chiropratica.

18 Luglio 2019

Ormai il modo più diffuso per difendersi dalla calura estiva è l'aria condizionata, usata un po' dovunque, negli uffici, nei negozi ma anche nelle case. E spesso esporsi al condizionamento può portare al fastidioso torcicollo che, insieme al mal di testa e al mal d’orecchie si aggiudica il podio dei malanni estivi.

I primi problemi nascono a seguito del passaggio da una temperatura esterna percepita molto alta, quando inevitabilmente il corpo suda ed è accaldato, a una zona rinfrescata artificialmente con impianti di aria condizionata a temperature molto più basse. «In questi casi si può verificare una sorta di shock termico. Il risultato è che la muscolatura tende a contrarsi in maniera anomala fino ad arrivare allo spasmo muscolare, che è un tipico segnale di blocco acuto, solitamente in zona cervicale o lombare - spiegano dall'Associazione Italiana Chiropratici - In Italia, ma anche in tutto il resto d'Europa, la disabilità legata ai problemi del rachide è la prima causa di assenza dal lavoro. In Svizzera, per ovviare a questo problema il Ministero della salute ha deciso di inglobare la Chiropratica nel sistema sanitario nazionale e il risultato è stata una diminuzione drastica del numero di giornate perse a causa dei dolori legati alla colonna. È stimato (Parson et al 2011*) che oltre l'80% della popolazione adulta europea, incorre almeno una volta nel corso della propria vita in un episodio di sintomatologia legata alla disfunzione della colonna».

Eliminare le compressioni

«Dopo un'attenta verifica, se le condizioni lo permettono, il dottore chiropratico può correggere l'assetto vertebrale facendo in modo che le radici dei nervi spinali non abbiano più compressioni che creano un'interferenza nella normale trasmissione del messaggio neurologico -  proseguono dall'associazione - Data la continua esposizione a questi frequenti sbalzi di temperatura è consigliabile attrezzarsi sempre di un indumento da utilizzare al bisogno come protezione (foulard, sciarpe e simili). Qualora queste difese non bastassero a prevenire l'attacco di cervicalgia o lombalgia, ci si può rivolgere al proprio Dottore in Chiropratica che valuterà quale sia l'approccio migliore per aiutare il recupero dalla situazione dolorosa».

Le linee guida dell'Aic

La linea guida della Associazione Italiana Chiropratici (AIC) è quella di consigliare uno stile di vita sano in cui esercizio fisico costante e alimentazione corretta siano il carburante quotidiano che permette al nostro motore di girare in maniera ottimale. «In questo modo le nostre difese saranno più efficienti quando chiamate in causa.  All'interno del complesso sistema della scatola cranica esistono alcune strutture che fungono da canali di passaggio, come ad esempio il canale uditivo e i seni frontali e paranasali -   spiega il dottore in chiropratica Luc Meersseman - Quando ci si espone ripetutamente a sbalzi di temperatura caldo-freddo e viceversa, la muscolatura si contrae in maniera anomala e di conseguenza si può alterare o infiammare con conseguente dolore dei punti di passaggio».

Nel caso in cui l'eccessivo raffreddamento dovesse causare febbre il dottore chiropratico consiglierà al paziente di consultare il proprio medico curante che prescriverà la terapia più indicata. «Qualora, invece, la sintomatologia non fosse così grave - prosegue il dottor Meersseman- ma comunque molto fastidiosa il dottore in chiropratica concentrerà il suo lavoro sulla zona dell'alta cervicale per far in modo che la muscolatura si rilassi e che il nervo del trigemino, responsabile del collegamento sensoriale dai seni craniali verso la corteccia somato-sensoriale, non abbia interferenze di sorta, date per esempio da un disallineamento della prima vertebra cervicale, detta anche atlante. Ristabilendo un normale assetto della colonna il paziente sentirà immediatamente un beneficio che si protrarrà nel tempo».

* Parson S, Ingram M, Clarke-Cornwell AM, Symmons DPM. A Heavy Burden The occurrence and impact of musculoskeletal conditions in the United Kingdom today. Arthritis Research UK Epidemiology Unit, 2011, www.escholar.manchester.ac.uk/uk-ac-man-scw: 123774 .

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento