Idrocolonterapia e allergia al nichel

In caso di intolleranza al nichel (o altri metalli) l’idrocolonterapia può avere effetti terapeutici? E come andrebbe gestita l’alimentazione successiva al trattamento stesso? Il dottor Giuseppe Carano, autore del libro Idrocolonterapia , risponde alle domande di un lettore.

16 Luglio 2017
Idrocolonterapia e allergia al nichel

L’idrocolonterapia va bene per la cura delle intolleranze alimentari in generale, perché con questo trattamento si favorisce il ripristino della fisiologica flora intestinale contrastando la disbiosi.

Inoltre è importante favorire l’eliminazione delle tossine e delle infiammazioni croniche dell’intestino e ciò si ottiene in seguito a un ciclo di idrocolonterapia abbinato all’uso di una corretta dieta alimentare e all’assunzione di rimedi fitoterapici e omeopatici. In questo quadro si produce anche un miglioramento delle patologie legate alle intolleranze, ad esempio al nichel, e in generale si perviene a una certa depurazione dell’organismo.

Di seguito una piccola lista di alimenti che possono essere inclusi nel pranzo di chi soffre di allergia al nichel: riso brillato, pasta (non di mais), cous cous, quinoa, kamut, patate, pane preparato con lievito madre, tutti i tipi d’insalata tranne la lattuga, uova, fesa di tacchino, prosciutto crudo (evitare gli insaccati con i conservanti), bresaola, olio extra vergine d’oliva, orata, pesce (evitare i pesci grandi come il tonno e il salmone), finocchi, melanzane, zucca, zucchine, peperoni, carote, bietole, radicchio, alcune spezie come rosmarino, salvia, timo, peperoncino, zenzero, paprika, menta e curcuma.
Nota della redazione: gli alimenti consigliati includono anche carne e pesce dal momento che una dieta vegetariana o vegana è una scelta molto difficile per gli allergici al nichel, in quanto molti vegetali contengono questo minerale. Se si decide comunque di non consumare prodotti di origine animale consigliamo di rivolgersi al proprio medico o a un nutrizionista di fiducia.

Giuseppe Carano. Medico chirurgo, vive all’Isola d’Elba, dove lavora come medico di medicina generale. Formatosi tra Firenze e Parigi, dal 1980 studia e pratica l’agopuntura tradizionale cinese e l’omeopatia. Utilizza l’idrocolonterapia da molti anni, ritenendola una necessaria integrazione alle terapie naturali.

  Articolo tratto dal Mensile Terra Nuova Aprile 2017 -

Il libro Idrocolonterapia Con un linguaggio semplice e immediato, l’autore introduce ai benefici dell’idrocolonterapia, la tecnica di pulizia del colon da tempo praticata nel nord Europa e ora diffusa anche in Italia.Grazie a questo intervento delicato e indolore, è possibile rigenerare la flora batterica intestinale e ristabilire lo stato di salute generale. Migliorano anche l'assimiliazione dei nutrienti, le funzioni renali, lo stato della pelle, le strutture immunitarie.Nel libro sono forniti approfondimenti dei legami tra pratica di pulizia del colon, medicina tradizionale cinese e omeopatia.In OFFERTA SCONTO 15% su www.terranuovalibri.it

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra