Come coltivare la cipolla d'inverno

Scopriamo come coltivare nel nostro orto, con il metodo biodinamico, questa cipolla, ricercata per il suo saporito gambo.

10 Novembre 2018
Come coltivare la cipolla d'inverno. Agricoltura biodinamica

Diversamente da molte cipolle, le cipolle d’inverno e le cipolle a fascio giapponesi non formano un vero e proprio bulbo, ma sono ricercate per i loro gambi saporiti verdi o bianchi, usati crudi in insalata o nella cucina asiatica. Le cipolle a fascio sono resistenti e producono molti teneri germogli verdi, mentre le cipolle d’inverno presentano un solo gambo, vengono piantate come annuali e sembrano dei piccoli porri. Il loro gambo bianco viene tagliato a livello del terreno.

Preparazione del terreno

Le cipolle d’inverno e le cipolle a fascio giapponesi preferiscono un suolo fertile a cui sia stato aggiunto del compost biodinamico maturo.
Hanno bisogno di una posizione ventilata e soleggiata, con un terreno a tessitura fine, ben drenante e non acido. Prima della semina, vanno eseguite due sarchiature: la prima per stimolare l’emersione delle erbacce; la seconda per eliminarle. Spruzzare sul suolo del cornoletame in autunno e in primavera e del macerato di ortiche all’inizio dell’estate.

Semina e trapianto

Seminare in un giorno di Radice, in luna discendente: in primavera le cipolle d’inverno annuali; in autunno le varietà resistenti al gelo (al momento delle prime gelate, i loro germogli devono superare in altezza la caviglia). Le piante seminate in autunno possono essere trapiantate in primavera per essere poi raccolte in estate. Seminare superficialmente, ricoprendo i semi a malapena e compattandoli con il retro di un rastrello. Annaffiare con letame da fossa per dar loro una spinta.

Cure colturali

Le varietà a fascio crescono più fitte e quindi le erbacce vanno estirpate a mano. Per eseguire questo compito senza compattare il terreno e incoraggiando così le erbacce più aggressive, ci si può posizionare su un asse. Per ottenere gambi sodi e saporiti, quando le piantine hanno raggiunto un terzo della loro altezza finale trattare con cornosilice 501 (in Luna ascendente al mattino presto). Ripetere il trattamento quando i gambi hanno raggiunto la loro altezza finale. Sarchiare leggermente il suolo attorno alle cipolle giapponesi per imbianchirle.

Raccolta e conservazione

Raccogliere i gambi in un giorno di Radice, in luna discendente. Le piante continueranno a crescere se non se ne prelevano troppi.

Consigli

Una volta che le piante si sono sviluppate, non eccedere con le annaffiature. Le cipolle sono ottime da consociare con molte colture, esclusi fagioli, piselli e asparagi.

Raccogliere i semi

• Le cipolle sono piante biennali, pertanto fioriscono e producono i semi nel secondo anno. Per ottenere i bulbilli, seminare dopo la prima metà d’agosto. Se gli inverni sono troppo umidi per lasciare le piante nel terreno, si possono estrarre all’inizio dell’inverno e poi ripiantarle in primavera.

• Sorreggere lo scapo fiorale con una canna. Quando un fiore imbrunisce, tagliarlo assieme a un pezzo di scapo in un giorno di sole e porlo a essiccare in una busta di carta, quindi scuotere per liberare i semi.

• Lasciare andare a fiore solo una varietà di cipolla per evitare l’impollinazione incrociata. Per lo stesso motivo, proteggere le piante con un tessuto non tessuto molto fine se si trovano vicino ad altri membri della stessa famiglia in fiore.

___________________________________________________________________________________________________________________________

Articolo tratto dal libro Orto e frutteto biodinamico

Orto e frutteto biodinamico è un manuale pratico che con un linguaggio semplice e preciso, e con l'aiuto di moltissime illustrazioni, prende per mano il lettore e lo guida all'uso di quella che è insieme una tecnica e una filosofia applicata all'agricoltura.
I primi due capitoli spiegano i principi dalla biodinamica, con ricette e indicazioni per impiegare nove preparati (cornoletame, cornosilice, achillea, camomilla, ortica, corteccia di quercia, tarassaco, valeriana, equiseto), la pasta per tronchi, il cumulo letame e altro ancora.  
A seguire 70 schede relative alla coltivazione di ortaggi e alberi da frutto comuni nel nostro paese.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

 

SFOGLIA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO


di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento